Ogni articolo dovrà essere accompagnato da:

– titolo in lingua inglese;

​- un abstract in lingua inglese al massimo di 700 caratteri spazi compresi;

– l’indicazione di tre parole chiave in inglese.

– Summary in Italiano subito dopo il titolo, paragrafo allineato al centro

Carattere: Times New Roman, corpo del testo punti 12, note punti 10, interlinea esatta.

Citazioni

Per la citazione delle fonti: se il testo è lungo, va messo in nota. Se il testo è breve (massimo due righe), resta nel corpo del testo, usando le virgolette a caporali «…». Carattere in tondo. Frasi in lingua straniera o antica vanno riportate in corsivo.

Monografie

Indicare il cognome dell’autore, sempre preceduto dall’iniziale del nome seguita da un punto e da uno spazio, utilizzando il carattere maiuscoletto. Il titolo della monografia in corsivo, seguito da luogo e anno di pubblicazione in tondo, il numero di pagina (preceduto da p. o pp.). Nel caso di opere in più volumi indicare il volume in numero romano:

P. Grossi, L’Europa del diritto, Roma-Bari, 2007, p. 50

Articoli da rivista

Indicare il cognome dell’autore, sempre preceduto dall’iniziale del nome seguita da un punto e da uno spazio, utilizzando il carattere maiuscoletto, il titolo dell’articolo in corsivo, quello della rivista in corsivo preceduto da “in” in tondo, l’annata in numero romano, l’anno tra parentesi in numero arabo, le pagine:

M. Bloch, Serf de la glébe. Histoire d’une expresion toute faite, in Revue Historique, CXXXVI (1921), pp. 220-242.

Voci enciclopediche

Indicare il cognome dell’autore, sempre preceduto dall’iniziale del nome seguita da un punto e da uno spazio, utilizzando il carattere maiuscoletto, titolo della voce in corsivo, titolo dell’enciclopedia in corsivo; volume in numeri romani, il luogo e l’anno di pubblicazione del volume; l’indicazione delle pagine citate:

E. Cortese, Piacentino, in Dizionario Biografico dei giuristi italiani, II, Bologna, 2013

Saggi in opera collettanea

Indicare il cognome dell’autore, sempre preceduto dall’iniziale del nome seguita da un punto e da uno spazio, utilizzando il carattere maiuscoletto, titolo del saggio in corsivo, nome e cognome del curatore, l’indicazione cur. tra parentesi, titolo dell’opera in corsivo; l’indicazione delle pagine citate:

J. Ehrard, L’esclavage devant la consience morale des Lumières françaises: indifférence, gêne, révolte, in M. Dorigny (cur.), Les abolitions de l’esclavage. De L.F. Sonthonax à V. Schoelcher, 1793-1794-1848, Paris-Saint Denis, 2003

Nel caso di opera con più curatori:

A. de la Fuente, Slaves and the creation of legal rights in Cuba: coartaciόn and papel, in J. M. Fradera e C. Schmidt-Nowara (curr.), Slavery and Antislavery in Spain’s Atlantic Empire, New York-Oxford, 2016

Citazioni successive

Una volta citata un’opera, le citazioni successive dovranno contenere: il cognome dell’autore sempre preceduto dall’iniziale del nome seguita da un punto e da uno spazio, utilizzando il carattere maiuscoletto, la prima parte del titolo in corsivo seguito da una virgola e da cit., indicazione della pagina o delle pagine

P. Grossi, L’Europa del diritto, cit., p. 200

Qualora si citi la stessa pagina della stessa opera citata nella nota immediatamente precedente sarà sufficiente indicare:

Ibid.

Qualora si citi la stessa opera citata nella nota immediatamente precedente ma una pagina diversa si dovrà indicare:

Ivi, p. 25

Abbreviazioni

a. ………..autore

all. ………allegato

art. ………articolo

artt. …….articoli

c. ………..colonna

cc. ………colonne

cfr. ……..confronta

cit. ………. citato

ibid. ….. ibidem

n. ………..numero

nn. ………numeri

op. cit. …..opera citata

p. ………..pagina

pp. ………pagine

s. …………seguente

ss. ……….seguenti

v. ………..vedi